domenica 13 dicembre 2015

1974 : I CONCERTI NEL MANICOMIO TRIESTINO DI FRANCO BASAGLIA


Franco Basaglia (Venezia, 11 marzo 1924 – Venezia, 29 agosto 1980) fu uno psichiatra e neurologo italiano, professore, fondatore della concezione moderna della salute mentale, riformatore della disciplina psichiatrica in Italia e ispiratore della cosiddetta Legge Basaglia (n. 180/1978) che introdusse un'importante revisione ordinamentale degli ospedali psichiatrici in Italia e promosse notevoli trasformazioni nei trattamenti sul territorio.

Biografia
Secondo di tre figli, trascorre un'adolescenza tranquilla e agiata. Dopo aver conseguito la maturità classica nel 1943 si iscrive alla facoltà di medicina e chirurgia dell’Università di Padova. Durante gli studi universitari frequenta un gruppo di studenti antifascisti. In seguito al tradimento di uno di loro, Basaglia viene arrestato e detenuto per alcuni mesi. Nel 1949 consegue la laurea. In questo periodo si dedica ai classici dell'esistenzialismo: Sartre, Maurice Merleau-Ponty, Husserl e Heidegger. Nel 1953 si specializza in Malattie nervose e mentali presso la clinica neuropsichiatrica di Padova. Lo stesso anno sposa Franca Ongaro che gli darà due figli e sarà coautrice col marito di alcune opere sulla psichiatria ed entrerà in Parlamento con la Sinistra Indipendente.
Nel 1958 Basaglia ottiene la libera docenza in psichiatria. Per le sue idee innovative e rivoluzionarie non viene bene accolto in ambito accademico, cosicché nel 1961 decide di rinunciare alla carriera universitaria e di trasferirsi a Gorizia per dirigere l'ospedale psichiatrico della città. Si tratta di un esilio professionale dovuto soprattutto alle scelte politiche e scientifiche. L'impatto con la realtà del manicomio è durissimo. Teoricamente si avvicina alle correnti psichiatriche di ispirazione fenomenologica ed esistenziale (Karl Jaspers, Eugéne Minkowski, Ludwig Binswanger), ma anche a Michel Foucault e Erving Goffman per la critica all'istituzione psichiatrica. Nel 1969 entra in contatto con Giorgio Antonucci, che lavora nell'ospedale diretto da Basaglia.
A Gorizia, dopo alcuni soggiorni all'estero (fra cui la visita alla comunità terapeutica di Maxwell Jones), avvia nel 1962, insieme ad Antonio Slavich, la prima esperienza anti-istituzionale nell'ambito della cura dei malati di mente. In particolare, egli tenta di trasferire il modello della comunità terapeutica all'interno dell'ospedale e inizia una vera e propria rivoluzione. Si eliminano tutti i tipi di contenzione fisica e le terapie elettroconvulsivanti (elettroshock), vengono aperti i cancelli dei reparti. Non più solo terapie farmacologiche, ma anche rapporti umani rinnovati con il personale. I pazienti devono essere trattati come uomini, persone in crisi.
Fu l'inizio di una riflessione sociopolitica sulla trasformazione dell'ospedale psichiatrico e di ulteriori esperienze di rinnovamento nel trattamento della follia, alternative anche alla esperienza di Gorizia. Nel 1967 cura il volume Che cos'è la psichiatria?. Nel 1968 pubblica L'istituzione negata. Rapporto da un ospedale psichiatrico, dove racconta al grande pubblico l'esperienza dell'ospedale psichiatrico di Gorizia. Quest'ultima si rivela un'opera di grande successo editoriale. Nel 1969 lascia Gorizia e, dopo due anni a Parma dove dirige l'ospedale di Colorno, nell'agosto del 1971 diviene direttore del manicomio di Trieste.
Basaglia istituisce subito, all'interno dell'ospedale psichiatrico, laboratori di pittura e di teatro. Nasce anche una cooperativa di lavoro per i pazienti, che così cominciano a svolgere lavori riconosciuti e retribuiti. Ma ormai sente il bisogno di andare oltre la trasformazione della vita all'interno dell'ospedale psichiatrico: il manicomio per lui va chiuso ed al suo posto va costruita una rete di servizi esterni, per provvedere all'assistenza delle persone affette da disturbi mentali. La psichiatria, che non ha compreso i sintomi della malattia mentale, deve cessare di giocare un ruolo nel processo di esclusione del "malato mentale", voluto da un sistema ideologico convinto di poter negare e annullare le proprie contraddizioni, allontanandole da sé ed emarginandole.
Nel 1973 Trieste viene designata "zona pilota" per l'Italia nella ricerca dell'OMS sui servizi di salute mentale. Nello stesso anno Basaglia fonda il movimento Psichiatria Democratica, favorendo la diffusione in Italia dell'antipsichiatria, una corrente di pensiero sorta in Inghilterra nel quadro della contestazione e dei fermenti rivoluzionari del 1968 ad opera principalmente di David Cooper. Nel gennaio 1977 viene annunciata la chiusura del manicomio "San Giovanni" di Trieste entro l'anno. L'anno successivo, il 13 maggio 1978, in Parlamento viene approvata la legge 180 di riforma psichiatrica. Nel 1979 Basaglia parte per il Brasile, dove, attraverso una serie di seminari raccolti successivamente nel volume Conferenze brasiliane, testimonia la propria esperienza.
Nel novembre del 1979 lascia la direzione di Trieste e si trasferisce a Roma, dove assume l'incarico di coordinatore dei servizi psichiatrici della Regione Lazio. Nella primavera del 1980 si manifestano i primi sintomi di un tumore al cervello, che in pochi mesi lo porterà alla morte, avvenuta il 29 agosto 1980 nella sua casa di Venezia. A distanza di 30 anni, benché sia stata più volte oggetto di discussione e di tentativi di revisione, la legge 180 è ancora in vigore e regola l'assistenza psichiatrica in Italia.
Franco Basaglia è stato sepolto presso l'Isola di San Michele, cimitero di Venezia.

1974 : I CONCERTI NEL MANICOMIO TRIESTINO DI FRANCO BASAGLIA

Interventi dal libro NON HO L'ARMA CHE UCCIDE IL LEONE ... Storie del manicomio di Trieste
Di Giuseppe Dell'Acqua 

SYD BARRETT & PINK FLOYD CATACLYSM MEGAPOST !!! + LIVE AUDIO CONCERT SYD BARRETT'S LAST RECORDING SESSIONS ABBEY ROAD STUDIOS 12 AUGUST 1974
LA FOLLE FOTOGRAFA CILENA PAZ ERRAZURIS 
MICHEL PETRUCCIANI - RIELABORAZIONE E RIPROPOSTA ARTIGIANALE DELLE FOTO TRATTE DAI NEGATIVI ORIGINALI INERENTI AL LEGGENDARIO CONCERTO AL TEATRO DI IVREA ITALY DEL 1993 FOTOGRAFIE DI DANILO JANS
http://helaberarda.blogspot.it/2015/09/michel-petrucciani-rielaborazione-e_25.html
DIANE ARBUS : L'ARTISTA CHE L'AMERICA PRENDEVA A SPUTI Di David Vecchiato 
ANNIVERSARIO DELLA NORTE DI FRANCESCA WOODMAN (3 Aprile 1958 - 19 Gennaio 1981) / LE IMMAGINI Di Chiara Coronelli  
1946  : GLI OCCHI DI RINA FORT
IL CASO LUDWIG Di Valerio Evangelisti
MARTIN BRYANT : IL DIAVOLO DAGLI OCCHI AZZURRI Di Paolo Cagnan
MARY ELLEN MARK : REPARTO ISOLAMENTO
QUESTO PAZZO PAZZO PAZZO PAZZO SELFIE : LA NUOVA RIVOLUZIONE FEMMINILE PARTE DA UN AUTOSCATTO 2a PARTE
CAROL RAMA SHOW

CRAZY  HORSE SALOON - 30 ANNI DI NUDO DI CLASSE
ANNI 50 : IL FAVOLOSO CRAZY HORSE
GENESIS P ORRIDGE/THROBBING GRISTLE/PSYCHIC TV - MEGAPOST INDUSTRIAL PARTY
MUSICA INDUSTRIALE : RICAVARE PIACERE DALLA SOFFERENZA ALTRUI Di Andrea Venanzoni  
DEMETRIO STRATOS : UNA METRODORA PER LA VOCE DEGLI AREA / DEMETRIO CANTA LA VOCE SENZA AREA / AREA I MARZIANI ILLUSTRI / MILANO TUTTI INSIEME PER DEMETRIO
I TUPELO - IN MEMORIA Di STIV LIVRAGHI COMPLETE SESSION TRATTA DAI PROVINI SU PELLICOLA DAL VIVO AL BABYLONIA Di PONDERANO BIELLA ITALY IL 15 APRILE 1995 Di Danilo Jans
http://musicitaly70.blogspot.it/2013/05/tupelo-in-memoria-di-stiv-livraghi.html
PLASTER CASTER UNA VITA PER IL CALCO  Di Manlio Benigni
http://helaberarda.blogspot.it/2012/04/plaster-caster-una-vita-per-il-calco-di.html
LISELOTT NISSEN : LE FALENE DI PIGALLE
POLITICI ITALIANI E TRANS :IL CASO MORGANA Di Vivi Zizzo B.
http://helaberarda.blogspot.it/2013/04/politici-italiani-e-trans-il-caso.html
SIAMO NATI MASCHI E CI RITROVIAMO SORELLE Di Tommaso Vitali Rosati
http://helaberarda.blogspot.it/2013/01/siamo-nati-maschi-e-ci-ritroviamo.html
HO CAMBIATO SESSO E COME DONNA HO SAPUTO RICONQUISTARLO Di Nadia Da Reggio
http://helaberarda.blogspot.it/2012/10/ho-cambiato-sesso-e-come-donna-ho.html
EVA ROBIN'S ANDROGINO DI SUCCESSO Di Roberto Granata
http://helaberarda.blogspot.it/2012/09/eva-robins-androgino-di-successo-di.html
UN UOMO CHIAMATO AMANDA Di Franco Grattarola
http://helaberarda.blogspot.it/2012/09/un-uomo-chiamato-amanda-di-franco.html
DINO PEDRIALI : TESTAMENTO NEL CORPO DI PIER PAOLO PASOLINI Di Giuliana Scimè
ROBERT MAPPLETHORPE : LA MORTE ADDOSSO Di Dominick Dunne
http://helaberarda.blogspot.it/2013/01/robert-mapplethorpe-la-morte-addosso-di.html
DEMETRIO STRATOS : UNA METRODORA PER LA VOCE DEGLI AREA / DEMETRIO CANTA LA VOCE SENZA AREA / AREA I MARZIANI ILLUSTRI / MILANO TUTTI INSIEME PER DEMETRIO
AREA  : L'AVANGUARDIA PUO' AVERE LE SUE STARS? / LIVE A MILANO E ROMA
AREA 1976 : DA PARIGI AL....CAOS! Di MANUEL INSOLERA
MAGGIO 1975 - AREA : LA POLEMICA TRA DEMETRIO STRATOS E RICCARDO BERTONCELLI SUL MENSILE GONG
AREA DI RICERCA & AUTODIFESA / INTERVISTA ESCLUSIVA A STRATOS,FARISELLI e TOFANI Di Roberto Masotti
AREA : DALL'"AREA" DEL FREE JAZZ Di ENZO CAFFARELLI Da CIAO 2001 Del 973
AREA:L'ENIGMA HA MESSO RADICI  Di Peppo Del Conte
AREA/Anteprima - IL "CRAC" DOPO LA RIVOLUZIONE  Di Armando Gallo
AREA ZONA RADIOATTIVA di Renato Marengo 

Nessun commento:

Posta un commento